intestazioni
Il cuore del cieco Škodovák - blog

Le auto sono la mia medicina

A volte la fortuna vuole solo te. E nel momento in cui una persona pensa già di evitarlo, arriva qualcosa che non si aspettava. E questo è stato anche il mio caso. Grazie al caso e alla mia passione per i veicoli storici Škoda, non solo posso sognare, posso anche vivere il mio sogno.

Per sette anni di lavoro in un'azienda dove lavoro con un contratto per svolgere attività, che ovviamente corrisponde anche allo stipendio, sono riuscito a risparmiare una cifra per la quale pensavo di acquistare la mia Škoda preferita per centoventi. Ma non volevo comprare un coniglio in una borsa, quindi mi sono rivolto ai membri di un gruppo di fan Skoda su Facebook preoccupato. Perché con preoccupazione? Sono andato al mercato con la pelle. Un cieco vuole una vecchia Skoda. Era più probabile che fossi ridicolizzato o definito un imbroglione, poiché lo incontro abbastanza spesso nei miei hobby a causa della mia disabilità visiva. Ma non avevo idea di cosa avrei fatto con la mia domanda. Nessuna presa in giro, sberleffi o insulti, anzi. Fui accolto calorosamente nella comunità, che a quel tempo contava circa 12000 persone. Ma il mio interesse per Škodovka ha risvegliato alcune persone in qualcosa che non avrei mai sognato. Anche se ho scritto che avevo i soldi per centoventi, hanno comunque deciso di finanziare. La battuta originale era che chiunque avesse ricevuto l'invito avrebbe inviato 10 CZK, e ha preso piede. Ma praticamente nessuno ha inviato le 10 CZK, gli importi sono partiti da un centinaio di corone, ma alcuni ne hanno gettate diverse migliaia.

Alla fine ho comprato una Skoda. Questo avrebbe potuto concludere tutto, ma grazie alla comunità di Škodovkar, il mio budget non ne ha risentito in modo significativo. Sì, per il resto dei soldi, avrei potuto riparare la mia centoventi, che si chiamava Milena dai suoi primi proprietari (purtroppo non sono più vivi), ha qualche graffio all'esterno, ma non ritengo estremamente necessario ripararli ancora, quindi ho deciso che proverò ancora a guardare la mia seconda Skoda più popolare, la cento. E sono stato fortunato. Sia per una bellissima vettura che per il primo proprietario ancora in vita. Anche se inizialmente volevo un XNUMX di prima generazione con le pedivelle fuori, ma è praticamente impossibile ottenerne uno a un prezzo ragionevole.

Così ho affittato un garage, ci ho tenuto dentro un'auto e ho lasciato che l'altra mi guidasse. Il budget però non era ancora del tutto esaurito, quindi ho fatto sistemare alcuni malanni per centoventi, ho lasciato l'interno – cioè l'esterno appunto – da solo, mi sono concentrato sulla parte motorizzata. Ma allo stesso tempo mi è venuto in mente che ho due veicoli storici e una cantina piena di varie parti, dalle luci alle ruote con i dischi. Non ricordo nemmeno chi mi ha dato tutto. Così ho iniziato a progettare una piccola mostra, che ho chiamato Touch the Transport.

Ed è stato grazie a questa visibilità che sono riuscito a procurarmi un altro veicolo. Sono andato da lui cieco al violino, letteralmente. Ringrazio il suo ex proprietario dal profondo del cuore, perché Favorit è venuto da me per un incredibile incidente. All'inizio non avevo affatto intenzione di portare la Favorita nello showroom, era già un'auto troppo nuova per me - in effetti, non avevo in programma nessun'altra macchina, perché il budget era esaurito, ma quando me l'hanno mostrato, ho cambiato idea quasi subito ed era mio.

Quindi, anche da non vedente, ho una piccola flotta di macchine e grandi progetti su come gestirle. E anche se può sembrare incredibile, le auto sono la migliore medicina per me a causa della mia situazione di salute. Potrei sembrare uno stupido quando vado in macchina per ascoltare un audiolibro, ma la sensazione di tenere il volante in mano, o di appoggiarmi allo schienale come a casa in salotto e non dover fare i conti con niente, quando senti solo l'audiolibro e le persone intorno a te non hanno prezzo. E se mi capita di dover andare a fare la spesa o dal dottore, c'è sempre qualcuno che mi accompagna con la mia macchina. A volte sono centoventi, altre volte sono cento o un Preferito, ma è davvero una sensazione di gioia e felicità indescrivibile. Grazie alla mia visibilità, ho persino imparato a realizzare video che pubblico sul mio canale Youtube. Anche se per lo più do inizio solo lì, perché da cieco non posso fare molto altro, ma negli ultimi mesi ho anche giocato con i podcast, che sono molto popolari, soprattutto tra i non vedenti appassionati di automobilismo, e con mio grande stupore lì ce ne sono parecchi.

Ed è da qui che nasce il mio nuovo motto. "Non vedere e vivere la vita a tutto gas non è fuori discussione. E se mai dovessi togliere il piede dall'acceleratore, lo odio davvero!” L'unico peccato è che molte persone invidiano la mia fortuna.

scrivere un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Vyžadované informace jsou označeny *

Questo sito utilizza Akismet per limitare lo spam. Guarda come trattiamo i tuoi dati dai commenti..